domenica 15 agosto 2010

Tè al crisantemo

......e dopo la mangiata di ferragosto, per fortuna quest'anno la temperatura è stata ottimale, vi consiglio un tè al crisantemo!



Questo infuso viene bevuto in Thailandia, infatti è stata Mee, una cara amica tailandese che vive però in Italia da tanti anni, a regalarmi i fiori essiccati utili alla preparazione.

Il gusto è molto delicato, dolce (infatti si evita tranquillamente lo zucchero o il miele), con un gusto erbaceo, ma anche di frutta gialla, come pesca matura, e in fondo trovo è anche un sentore di liquirizia.

Inoltre ho scoperto, girovagando in rete, che anche in Cina viene servito abitualmente, e che fa un gran bene: alla circolazione, al fegato, all'ipertensione, abbassa il colesterolo, migliora l'assorbimento del calcio, berlo costantemente è un vero toccasana.

E per la fornitura, tranquilli, non c'è da preoccuparsi, si trova in rete!

Ora passo alla ricetta o meglio alla procedura:



Ingredienti
acqua calda, ma non in ebollizione
4-5 fiori di crisantemo bianco




Mettere i fiori nella tazza e versare l'acqua calda sopra; lasciare in infusione 5 minuti, togliere con un cucchiaino i fiori.

Evitare la dolcificazione, è inutile, altera solo il sapore!

4 commenti:

  1. Sono contenta che ti è piaciuta la bevanda! In estate ne faccio una brocca piena per raffreddare e mettere in frigo, disseta bene :)
    Mee

    RispondiElimina
  2. Grazie Mee, è un ottima idea, lo terrò presente!:))

    RispondiElimina
  3. Il sapore è particolare.

    Lo proverò per inzuppare il Tiramisù.

    RispondiElimina
  4. e' buono lo abbiamo provato qui in Giappone, e se poi ha tutte queste proprieta' continueremo a berlo anche noi della scuola Cellini.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!