giovedì 23 dicembre 2010

AUGURONI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!



AUGURI! AUGURI!

AUGURI!


AUGURI!



AUGURI! AUGURI!

AUGURI!

AUGURI!

AUGURI!


AUGURI!


Tanti cari auguri di Buon Natale!



mercoledì 22 dicembre 2010

Quiche al salmone e porri

Questa ricetta la propongo spesso come antipasto nel giorno della vigilia di Natale , è deliziosa e molto semplice da preparare.
Si serve tiepida e questo aiuta quando gli ospiti hanno la tendenza a ritardare....(della serie conosco i miei polli!!!)




Ingredienti

1 rotoli di pasta sfoglia
200g di salmone affumicato
2 uova
150g di ricotta
3 cucchiai di latte
1 porro
1 cucchiaio di parmigiano grattugiato
1 cucchiaio di olio evo
1 pizzico di sale


Far rosolare il porro affettato nell'olio evo per una decina di minuti.







Stemperare la ricotta con 2 cucchiai di latte, aggiungere le uova, il formaggio e il porro, quando si sarà raffreddato.







Distendere in una teglia la pasta e forarla con una forchetta, distendere il salmone affumicato e poi la farcia a base di ricotta e porro.
Cuocere in forno caldo 180°C per circa 30 minuti.

















Con questa ricetta partecipo al contest del blog La renna in cucina:

martedì 21 dicembre 2010

Tartellette di lenticchie e cotechino

Questa ricetta presenta gli ingredienti tipici delle feste natalizie.
Le tortine possono essere servite come finger food con l'aperitivo oppure anche come antipasto abbinato a tartine farcite in modo diverso...come formaggi, salmone e/o salumi.
Riscuotono sempre un certo successo!
Inoltre osservando le materie prime possiamo definire una "ricetta reciclona"" infatti sono utili come rinnovo degli avanzi!!!!


Ingredienti

150g di farina 00
50g di olio evo
1 pizzico di sale
1 uovo intero
lenticchie ai funghi
zampone o cotechino

Il cotechino viene cotto per un paio d'ore a fuoco molto basso in abbondante acqua non salata, dopo aver forato con uno stuzzicadente in più parti il budello.
Ancora caldo si affetta.
Lo stesso procedimento vale per lo zampone che però deve cuocere almeno 1 ora in più!




Si impasta la farina, sale olio e uovo velocemente e poi si mette in frigo per almeno un'ora.
Si foderano gli stampini e si cuociono in forno caldo a 180°C per 15 minuti circa.
I miei stampini hanno il fondo rialzato, altrimenti consiglio di mettere un poco di carta forno e fagioli secchi per mantenere in forma!




Lasciare raffreddare su di una griglia e farcire con un cucchiaino di lenticchie, preparate secondo la ricetta linkata, e un pezzetto di cotechino o zampone.



Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Antonella:

lunedì 20 dicembre 2010

Tortelli con la coda di spinaci e ricotta (Turtei cu la cua)

Ebbene sì, questo è a mio parere la ricetta piacentina per antonomasia, il massimo della bontà! E' una pasta all'uovo ripiena di spinaci e ricotta a forma di caramella .
La sfoglia deve essere molto sottile, in modo che si sciolga in bocca e tutta la delicatezza del ripieno vi avvolga le papille gustative...vi piace l'immagine?
Direi che rende!
Alla vigilia di Natale è sempre presente sulle tavole piacentine essendo un primo piatto di magro.






Ingredienti

per la pasta:
400g di farina
1 uovo intero
2 tuorli
acqua q.b.
1 pizzico di sale

per il ripieno:
200g di spinaci
250g di ricotta
50g di grana padano grattugiato
20g di burro
1 uovo intero
1 pizzico di sale
1 pizzico di noce moscata (a piacere)

per il condimento:
60 g di burro fuso
salvia fresca (qualche foglia)
grana padano grattugiato(a piacere)

Preparare, prima di tutto, la pasta all'uovo impastando tutti gli ingredienti utilizzando anche un poco di acqua, se dovesse servire; lasciare riposare l'impasto per circa 30 minuti coperto.

I tortelli si preparano rigorosamente a mano.


Per preparare il ripieno, si cuoce in una padella antiaderente con coperchio gli spinaci appena mondati e ancora bagnati aggiungendo il burro per circa 10 minuti. Si lasciano raffreddare, si tritano finissimi e si uniscono a tutti gli altri ingredienti mescolando molto bene in modo da renderlo omogeneo.

La pasta deve essere tirata con la sfogliatrice nell'ultimo foro (per renderla molto sottile) in strisce larghe circa 8 cm che poi verranno tagliate in obliquo a formare piccoli rombi.

Su di ogni rombo si adagia una noce di ripieno, il rombo poi viene appoggiato sulla mano sinistra e con la destra, partendo dal vertice della sua diagonale più lunga, si ripiega la pasta formando una piccola treccia che chiude il tortello.
vengono lessati in abbondante acqua salata e conditi con burro fuso e salvia.
A piacere si può aggiungere grana, a mio parere si guasta la delicatezza del tortello.



Con questa ricetta partecipo all'Abbecedario culinario d'Italia organizzato da Trattoria MuVarA e ospitato, per le ricette della Emilia Romagna, dal blog  Curiosando in cucina

domenica 19 dicembre 2010

Un filante risotto al radicchio

Questa ricetta la preparo da anni, e ogni volta mio padre, che vive in pratica con noi, reclama dicendo: "Non si può fare il riso con l'insalata!".
Naturalmente non ci faccio caso, ma ogni volta che lo voglio preparare penso alla sua critica sempre in agguato e allora spesso cambio idea!
Oggi però ho voluto cucinarlo perché vorrei presentarlo al contest di Ballarini.
E' un piatto particolare, molto gustoso e che si presenta bene, ve lo consiglio!



Ingredienti per 4 persone
Un cespo di radicchio rosso di Treviso IGP (oggi ho usato quello precoce)
1 scalogno
1l di brodo vegetale
olio evo
sale
330g di riso carnaroli
1 bicchiere di vino rosso (ho usato il Gutturnio doc)
200g di scamorza affumicata



Scaldare in una risottiera 3 cucchiai di olio evo, rosolare lo scalogno tritato e aggiungere il radicchio affettato far cuocere un paio di minuti e poi tostare il riso.




Sfumare con il vino rosso, lasciare evaporare l'alcol e poi continuare ad aggiungere il brodo caldo, mescolando di tanto in tanto per circa 15 minuti.
Aggiustare di sale.





A questo punto aggiungere la scamorza tagliata a cubetti, mescolare e cuocere ancora qualche minuto per sciogliere il formaggio e finire la cottura del riso.




Servire caldo con parmigiano da aggiungere a piacere.

Con questa ricetta partecipo al contest di Ballarini e di farina lievito e fantasia:

sabato 18 dicembre 2010

Il mio primo premio


Un grazie a Gianni di questo premio inaspettato e molto gradito!
Con Gianni ci siamo incontrati sul web da poche settimane ma spesso passo a vedere cosa combina in cucina e devo ammettere che riesce sempre a sorprendermi.
Sono nuova del web e non ho molta dimestichezza con queste procedure, ma leggendo nel suo blog mi ha illuminato in tal senso!

Le indicazioni da seguire sono queste:
1- ringraziare chi ci ha premiato
2- scrivere un post sul premio
3- passarlo a 12 blog che ci sembrano meritevoli (la parte più difficile....)
4- inserire il collegamento a ciascuno dei blog
5- comunicarlo ai premiati

Ed ora ecco l'elenco dei blog (non vuole essere una classifica):

la cucina di Paola Brunetti
nella cucina di Ely
fusilli al tegamino
il dolce mondo di Sara
una stella tra i fornelli
notticreative
la zuppa di bottoni
la ginestra e il mare
un cuore di farina senza glutine
zampette in pasta
angolo cottura
dos cocineras

Questa è la mia scelta. Questo per me è una situazione difficile prima si tutto perchè avrei voluto donarlo a molti molti altri.... e poi perchè ho notato che a non tutti è gradito, quindi non vorrei incrinare nessun rapporto

Spero che questo premio faccia piacere ai prescelti e non vorrei in alcun modo che si sentissero obbligati a seguire la procedura sopra descritta!
Quindi se vi fa piacere esponete il premio e se vi va procedete nella vostra scelta!

Dominosteine (dolcetti austriaci)

Questi deliziosi dolcetti li ho acquistati nei mercatini di Natale del Sudtirol, sono una specialità austriaca e di una bontà inebriante....
Sono a tre strati: una base di pane di spezie, piuttosto morbido, uno strato di cotognata e uno strato di pasta di mandorle, il tutto ricoperto da uno strato di cioccolato bianco o fondente.
Purtroppo non conosco la ricetta precisa, ne ho trovate diverse sul web, ma che al momento non ho ancora provato (ne ho ancora una bella scorta!).
Vi indico la versione che mi sembra più attendibile ( presa dal forum cookaround e con qualche variazione), e che proverò sicuramente!




Ingredienti
pan di spezie:
125g latte
1pizzico di sale
250g miele liquido
125g farina 0
125g farina integrale
1/2 bustina di baking
2 cucchiai di zucchero di canna
1/2cucchiaino da caffè di zenzero in polvere
1/2cucchiaino da caffè di cannella in polvere
1/2 cucchiaino da caffè di anice in polvere
la buccia di 1 arancia grattuggiata
1 cucchiaio di acqua di fiori d'arancio

1 vasetto di cotognata
2 confezioni di marzapane da 225g



Usare il bimby: mettete latte e sale nel boccale 3 min 100°C vel 4, aggiungere il miele 10 sec vel5, unire tutti gli ingredienti 30 sec vel 7 spatolando. Imburrare una teglia grande o la leccarda del forno e livellare l'impasto formando una specie di biscuit.
Cuocere in forno caldo a 150°C per circa 30 minuti.

Far raffreddare, spalmare sopra uno strato consistente di cotognata (marmellata di mele cotogne, solitamente molto densa) e poi uno strato di marzapane.
Tagliare tanti quadretti di 2 cm di lato e immergerli in cioccolato da copertura sciolto.
Far solidificare la copertura su di una gratella.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Giulia:

venerdì 17 dicembre 2010

Lenticchie ai funghi

Le lenticchie sono un piatto tipico delle feste di Natale!
Si preparano di solito a Capodanno in abbinamento con lo zampone e per il significato ben augurale che hanno: pare che portino soldi.
Possono essere servite anche nel pranzo di Natale con le carni lesse!
Dalle mie parti, infatti, i ravioli di carne in brodo sono il piatto principe e quindi per avere un brodo adatto si fanno cuocere almeno 4 tipi di carni diverse (da qui il nome brodo in quarta)manzo, vitello, pollo e maiale.
Ma torniamo alle lenticchie, questa è una ricetta di famiglia che arricchisce il gusto di questo legume e lo rende particolarmente saporito. Vi consiglio di usare lenticchie di buona qualità come quelle di Castelluccio IGP che sono molto gustose e mantengono bene la cottura.




Ingredienti
200g di lenticchie (da mettere in acqua per una notte per reidratarsi)
1 cipolla
1 spicchio di aglio
1 canna di sedano
1 carota
15g di funghi porcini secchi (da far rinvenire in acqua tiepida per almeno 1ora)
2 cucchiai di salsa di pomodoro
50g di pancetta nostrana tagliata a cubetti
olio evo
sale e pepe


In una casseruola scaldare l'olio e poi soffriggere tutte le verdure tagliate a cubetti, aggiungere i funghi strizzati, la pancetta e poi le lenticchie.
Mescolarle e tostarle leggermente, coprire con acqua e far prendere il bollore.



Passata una ventina di minuti, inserire il pomodoro, aggiustare di sale e pepe.
Continuare la cottura ancora 10 minuti circa, controllare se è opportuno aggiungere ancora acqua (tendono ad assorbirne parecchia).
Servirle calde o tiepide, con salame cotto o zampone!!!

Con questa ricetta partecipo al contest di Antonella

mercoledì 15 dicembre 2010

Il classico profiteroles

Questo dolce è ormai un classico della cucina italiana (penso che sia di origine francese), è formato da tanti bignè ripieni con crema chantilly che vengono ricoperti da una deliziosa crema di cioccolato.
Vengono poi disposti a piramide e decorati a piacere con panna montata.
Le ricette dei bignè e della crema pasticcera sono di Luca, come Luca chi..., il grande Luca Montersino!!
La crema al cioccolato era scritta su un quaderno vecchissimo di mia madre, non so la fonte.




Ingredienti
bignè preparati come da ricetta base
250g panna da montare
160g di crema pasticcera che contiene:
100g di latte intero
25g di panna fresca
40g di tuorlo d'uovo
40g di zucchero semolato
10g di amido di mais (maizena)
crema al cioccolato che contiene:
225g di cioccolato fondente
225g di zucchero
75g di farina
5 tuorli
500ml di latte


Preparazione crema pasticcera:
scaldare il latte con la panna.Montare i tuorli con lo zucchero semolato con le fruste e aggiungerli al latte quando bollirà.
Attendere, senza mescolare, che il composto inizi ancora a formare delle bolle quindi togliere dal fuoco e mescolare con la frusta ..... magicamente raffreddandosi il composto si addenserà formando la crema desiderata.

Raffreddare in frigo ricoprendola con la pellicola trasparente a contatto per evitare la formazione della pellicina.

Montare la panna freddissima in un contenitore freddo metodo ideale per ottenere un risultato perfetto e unire alla crema pasticcera, prima in piccoli dosi miscelando bene poi tutta la panna rimanente in una volta, mescolando dal basso verso l'alto.

Ora riempire i bignè con questo composto aiutandosi con un sache a poche, mettere in freezer mentre si prepara la crema di copertura.


Preparazione crema al cioccolato: montare i tuorli con lo zucchero e unirli al latte caldo e continuando a mescolare aggiungere a poco a poco la farina.
Mescolare di continuo fino a che la crema inizia ad addensarsi, poi spegnere il fuoco e inserire il cioccolato a pezzetti fatto sciogliere precedentemente con il micronde. (Se fosse ancora liquida continuare ad addensare sul fuoco facendo molta attenzione)

Quando questa crema risulterà tiepida, inserire con l'aiuto di una pinza il bignè freddo nella crema e poi disporlo sul piatto di portata, fare così con tutti i bignè dando la forma desiderata (preferisco la piramide).
Se rimane della crema al cioccolato, ricoprire ulteriormente il dolce già assemblato. Ora può essere conservato in frigorifero se si consuma il giorno successivo o anche in freezer. Prima di servire a piacere si può decorare con la panna.



Con questa ricetta partecipo al contest di Antonella

Pasta choux

La pasta choux, comunemente chiamata per bignè, è una pasta cotta al fuoco che poi viene cotta al forno e si gonfia formando delle palline vuote, riempibili con creme dolci o salate in base all'uso.



Ingredienti
140g di farina debole
150g di acqua
20g di latte
220g di uova a temperatura ambiente (circa 4)
15g di zucchero (a piacere)
1 pizzico di sale


Scaldare l'acqua con il burro freddo, aggiungere il sale.
Quando l'acqua tende a bollire e il burro è sciolto e si unisce tutta la farina già setacciata in precedenza, e si mescola energicamente in modo che la massa si distacchi dalle pareti della pentola, mantenere sul fuoco qualche istante.

Togliere dal fuoco e incorporare il latte e un uovo alla volta utilizzando un frullatore elettrico. Unire 1 uovo alla volta mescolando, e non aggiungere il successivo fintanto che il precedente non risulta ben amalgamato.
Si ottiene un composto simile ad una crema.
Riempire una sache a poche con bocchetta liscia e formare delle palline
grandi come una noce a distanza di circa 3 cm su di una piastra non imburrata.
Cuocere in forno caldo a 220°C a forno statico (importante per avere una buona forma del bignè) per circa 10 minuti.
Devono assumere una colorazione ambrata.

martedì 14 dicembre 2010

Gingerbread men

Questa ricetta è stata tratta dal web e in particolare dal sito www.joy of baking.com, ma naturalmente qualche particolare l'ho variato...è un classico non riesco ad adeguarmi completamente ad una procedura....ribellione? Può darsi!
Comunque, sono semplici da fare, veloci, non molto dolci e fanno tanto Natale!





Ingredienti
3 tazze di farina (390g)
1/4 di cucchiaino di sale
3/4 di cucchiaino di baking
6g di spezie (acquistate dal mio magico fornitore Horvat)
1/2 tazza di burro (110g)
1/2 tazza di zucchero (100g)
1 uovo grande
160ml di miele



Ecco il mio misuratore (Nuscup) di tazze e di cucchiai per ingredienti solidi e liquidi! A lato vi è anche la mia miscela di spezie specifica per il pane speziato, comtiene: cannella, garofano, limoni, arance, pimento, cardamomo, zenzero e coriandolo.



Passare al setaccio la farina, aggiungere sale, baking e zucchero. Unire l'uovo sbattuto e il burro a pomata. Impastare bene dopo aver aggiunto il miele.
Lasciare riposare almeno un'ora in frigo e poi stendere con il mattarello la pasta dello spessore di circa 3-4 mm.

Tagliare i biscotti (assieme agli omini ho prodotto anche piccoli abeti).





Cuocere a 180°C in forno già caldo per circa 8 minuti.
Attenzione alla cottura tendono a diventare scuri per la presenza del miele!!!











A questo punto, dopo il raffreddamento su gratella, si procede a decorare.




La glassa viene preparata con due cucchiai colmi di zucchero a velo, 2 cucchiaini di albume e 1 cucchiaino di succo di limone mescolati accuratamente.
Mettere il composto in sac a poche e dar sfogo alla creatività!

Con questa ricetta partecipo al contest di fragole e cioccolato:

lunedì 13 dicembre 2010

Stelle al parmigiano e paprika dolce

Questi biscottini salati sono un accompagnamento ideale per un aperitivo veloce.
Se prima di una serata in pizzeria gli amici si trovano a casa vostra, vi consiglio di abbinare questi stuzzichini al solito prosecco o ad uno chardonnay un po' speciale. Farete un figurone!




Ingredienti
250g di farina
100g di burro
100g di parmigiano reggiano grattugiato
2 uova intere
paprika dolce

Mescolare la farina con il burro a pomata, unire il formaggio e le uova sbattute. Impastare velocemente e mettere a riposare in frigo per almeno 1 ora.
Stendere con il mattarello una sfoglia alta circa 5 mm,tagliare della forma desiderata e cospargere di paprika dolce.
Infornare a 180°C per circa 10 minuti.
Far raffreddare su di una gratella.

domenica 12 dicembre 2010

Una merenda calda calda, golosa golosa...

Prima di tutto devo ringraziare Mon petit bistrot.. che mi ha dato l'opportunità di inserire due cose che adoro: biscotti al cioccolato e un tè speciale!



I biscotti sono nati per caso, da un errore di pesata, anzi di lettura della ricetta per la crema di copertura del profiterol.
Essendo sempre di fretta e non rileggendo attentamente si è aggiunta un quantitativo esagerato di farina... risultato crema con grumi, da qui la rilettura della ricetta e LA SCOPERTA dell'errore!
Che si fa? Decido di passarla al colino...e poi ?? E' ancora troppo densa... allora decido di provare a formare dei biscottini con lo sparabiscotti....un disastro, i grassi sono pochi e il biscotto non si stacca dall'arnese! Deciso di fare dellepalline con 2 cucchiaini e poi li decoro con lo zucchero a granella, risultato più che buono. Inforno e.... la dolce scoperta viene all'assaggio...hanno il cuore morbido evvai!!!!
Il tè invece è un ricordo, di uno viaggio a Londra, un last minute con un volo di linea della British e un Hotel stupendo vicino a Buckingham Palace con giornate senza pioggia, parchi verdissimi, fiori colorati e shopping smodato!!!
Il tè infatti è un acquisto fatto da Harrods.
Quindi ecco la merenda!





Ingredienti per la merenda calda calda golosa golosa
tè Afternoon delight
biscottini al cioccolato dal cuore morbido





Questo infuso è una miscela di tè neri (70% di Darjeeling e 30% di Assam) prodotti in India.
Ha un gusto leggero con un aroma floreale e leggermente fruttato. E' leggermente tannico.
Deve essere preparato con acqua molto calda vicino ai 90°C e lasciato in infusione per 3 minuti nelle proporzioni 300ml di acqua 5g di tè.
Lo gradisco al limone o all'arancio, ma può essere servito anche con latte.

Ci tengo a zuccherarlo con lo zucchero candito bianco in stecchini che compro in un negozio di fiducia quando sono in vacanza a Brunico, da Horvat.

Ingredienti per i biscotti:
150g di cioccolato fondente
150g di zucchero
150g di farina
4 tuorli
400ml di latte intero
zucchero in granella


Sbattere lo zucchero con i tuorli, inserire il latte caldo e poi la farina , mescolare velocemente con una frusta e togliere dal fuoco. il composto si addenserà velocemente, ora aggiungere il cioccolato tritato grossolanamente. Mescolare molto bene. Preparare delle palline con l'aiuto di 2 cucchiaini,posizionare su carta forno, decorare con zucchero in granella e cuocere in forno caldo a 180°C per 15-10 minuti. Lasciare raffreddare su di una gratella.

















Questi biscottini si presentano con una specie di ripieno di morbido cioccolato fondente che li rende irresistibili!!!!