lunedì 30 gennaio 2012

Tartellette alle verdure

Queste tartellette salate presentate qualche mese fa da Luca Montersino nella sua trasmissione mi hanno piacevolmente colpito e voluto provarle durante  festività natalizie.
In occasione di una festa, le ho preparare la sera precedente e poi assemblate poche minuti prima di servirle... sono state davvero apprezzate...grazie Luca!


Ingredienti per 40 tartellette
Per pasta frolla salata
450g di farina 00
250g di burro
50g di tuorlo d'uovo
200g di uova intere
8g di sale
40g di formaggio parmigiano reggiano grattugiato
4 g di lievito chimico
Per crema pasticcera salata
500ml di latte
125g di panna
45g di amino di mais
150g di tuorlo
125g di formaggio Parmigiano Reggiano grattugiato
50g di burro
3,5g di sale
Per decorare
1 carota
1 peperone rosso
1 peperone giallo,
2 canne di sedano
piselli in scatola
4 cucchiai di olio evo

Preparare la frolla: unire il burro a pomata con il formaggio e il sale.
Inserire i tuorli d'uovo e le uova, sbattute in precedenza, poco alla volta.
Aggiungere le polveri (farina miscelata con lievito), impastare velocemente e con le mani fredde interrompersi non appena la farina è amalgamata.
Raffreddare in frigo per 1ora avvolta da pellicola.

Nel frattempo preparare la crema pasticcera: portare a bollore il latte con il sale.
Disciogliere a freddo nella panna l'amido, non appena il latte bolle unire questo composto e mescolare con frusta fino a quando la crema non inizia ad addensarsi.
Togliere dal fuoco, aggiungere i tuorli mescolando velocemente, rimettere sul fuoco 10 secondo, togliere e unire il formaggio.
Mescolare con frusta fino ad avere un composto ben omogeneo, inserire il burro e mescolare fino a discioglimento.
Lasciare raffreddare.

Stendere la pasta frolla  ad uno spessore di 4-5 mm, tagliare con un coppapasta tanti dischetti e foderare le piccole teglie, forare bene con i rebbi di una forchetta e inserire un cucchiaino di crema pasticcere.
Cuocere a 180°C in forno già caldo per 10-12 minuti.


Tagliare a cubetti regolari il peperone, il sedano e la carota.
Scaldare in una padella anti aderente due cucchiai di olio e poi unire le carote e il sedano, saltare velocemente le verdure lasciandole cuocere per circa 15 minuti.
In un' altra padella fare la stessa operazione con i peperoni, ma la cottura non dovrà essere più di 5-10 minuti.
Le verdure devono rimanere croccanti, scolarle su carta assorbente da cucina e lasciarle raffreddare.


Assemblare le tartellette, ma solo poche ore prima di servirle:  farcendo con un  cucchiaino di crema pasticcera salata fresca e decorare con la verdura saltata e i piselli.





E' possibile pennellarle con gelatina salata in modo da renderle più lucide e  meglio conservabili, ma io ho preferito prepararle all'ultimo momento, la gelatina non sempre piace....

10 commenti:

  1. Che belle sembrano dei dolcetti. La cremina salata deve essere buonissima. Anch'io le preferisco preparate all'ultimo, anche perché non amo la gelatina. Buona notte!

    RispondiElimina
  2. Laboriose ma sicuramente godibilissime :)

    Un bacione cara

    RispondiElimina
  3. questa frolla salata deve essere davvero ottima.
    TI credo che sono state apprezzate!!!!!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Squisita questa versione salata delle tartellette dolci! Soprattutto la crema pasticcera salata. Da provare. Un bacione.

    RispondiElimina
  5. Ciao Elena, da acquolina in bocca, da perderci la testa...e la linea :-D

    RispondiElimina
  6. Elena Montersino mi incute sempre un po' di timore, haimé che mi perdo pero' a non provare le sue deliziose ricette! Baci

    RispondiElimina
  7. hanno un aspetto strainvitante coma ha un aspetto invitantissimo il tuo blog ricco di leccornie e senza dubitare mi sono iscritta subito ahahah se ti va passa da me ^_^

    RispondiElimina
  8. Elena le trovo gustosissime!!!!!! Mi piace la crema pasticciera salata e l'effetto finale è davvero splendido!!!! Baci

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!