lunedì 20 febbraio 2012

Zuppa Valpellinentze

Questa zuppa è tipica della Valpelline, una valle laterale della Valle del Gran San Bernardo, che si estende a nord di Aosta. Questa valle è conosciuta come "Coumba freda" che significa conca fredda, a causa del clima piuttosto rigido.
Questa zuppa è di quelle che scaldano davvero, e visto il clima di oggi (è caduto ancora qualche fiocco di neve) ho pensato di preparala.
L'ho servita in monoporzioni in modo da dosare la cannella in base ai gusti...carino vero?



Ingredienti per 5 persone

Pane casereccio (6 fette sottili)
1/2 cavolo verza
olio evo
200g di fontina valdaostana dop
brodo di carne
sale
cannella
qualche fiocchetto di burro


Tostare il pane su di una piastra da ambo il lati.

Mondare e tagliare a striscioline il cavolo verza e cuocere in padella con un cucchiaio d'olio e 1/2 bicchiere di acqua per circa 30-40 minuti, aggiustando di sale.

Ungere una teglia e inserire uno strato di pane, uno di verza e uno di fontina affettata (spessore circa 5 mm), continuare così facendo 2 o 3 strati finendo con il formaggio.

Bagnare con il brodo caldo.

Cospargere di cannella (a piacere) e piccoli fiocchetti di burro.

Cuocere in forno caldo a 200°C per 15 minuti funzione grill.

Lasciare raffreddare un poco prima di servire, ne acquista in sapore!!!


Con questa ricetta partecipo alla nuova iniziativa di Trattoria Muvara "Abbecedario culinario d'Italia", che  viene ospitato per la regione Valle d'Aosta dal blog Gata da plar


16 commenti:

  1. Ricetta spettacolare, non la conoscevo, ma non posso che innamorarmene all'istante, immagino perfettamente il gusto e la consistenza! Bellissima anche l'iniziativa, in sintonia con la mia fissa per la cucina regionale. Tu interpreti sempre ogni piatto alla perfezione!

    RispondiElimina
  2. oh ma che buona è di sicuro da provare. un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Amo moltissime le zuppe e questa m'inspira parecchio, anche se sono stata varie volte nella Valle D'Aosta non l'ho mai mangiata, me la segno. Buona serata ed a presto!

    RispondiElimina
  4. Bellissima, la facevo anche io chiamandola zuppa delle valli, mi fa piacere scoprire che è una ricetta tradizionale!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  5. Ciao Elena
    è molto ..ma molto carina, anzi bellissima.
    Brava!
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina
  6. Zuppa squisita. Qui il freddo è quasi passato, ma una zuppa così me la farò nei prox giorni sicuramente. Un bacione, buona giornata.

    RispondiElimina
  7. Buonissima con il cavolo verza. Una zuppa davvero gustosa! Grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  8. ci vorrebbe anche qui una bella zuppa riscaldante e buona come questa! Nonostante sia in LIguria le temperature sono abbastanza basse anche qui (anche se non nevica!). GRazie e un abbraccio

    RispondiElimina
  9. facile e gustosa, direi perfetta! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  10. Ciao! Però che coincidenza, evviva la zuppa :))))

    A presto!
    Aiuolik

    RispondiElimina
  11. Grazie dei complimenti ma è proprio semplice da fare e pure veloce...anzi inserirò nelle etichette dei miei piatti sprint e poi ricorda quei posti incantevoli....da farci una vacanza o almeno un w-e!!!baci

    RispondiElimina
  12. più giro per le ricette valdostane, più mi viene voglia di andarci!
    deve essere buonissima e poi con quel tocco di cannella mi intriga moltissimo!!
    baciusss
    brii

    RispondiElimina
  13. Elena eccomi anche qui da te! ^^
    ti ringrazio doppiamente per questa zuppa... il bis è sempre il massimo!! :DDD
    Bacione!!!!

    RispondiElimina
  14. Ora ci siamo tutte!!! Ho aggiornato la A: http://abcincucina.blogspot.com/2012/02/come-aosta.html!

    Grazie per aver partecipato!
    Aiuolik

    RispondiElimina
  15. ma che belle che sono le tue ricette....capisco Francesca!!!!! Un bacione grande

    RispondiElimina
  16. ho assaggiato questa zuppa, sabato 5 ottobre a Echallod. Buonissima, per questo ho cercato subito la ricetta e vorrei subito provarla. Grazie, ciao a tutte. Loredana

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!