venerdì 4 maggio 2012

Brasato di manzo, nel coccio!!!

Il brasato è uno dei piatti della tradizione, che ognuno prepara a suo modo e lo personalizza utilizzando: vino bianco o rosso,  spezie diverse o anche aromi particolari.
La mia ricetta è quella di famiglia, utilizzo come taglio di carne il cappello del prete o la pernice, il vino è quello della zona, un Gutturnio DOC, giovane e poco strutturato, gli aromi sono quelli classici, evito la cannella che non mi entusiasma sulle carni. La cottura deve assolutamente avvenire nel coccio, deve essere lenta e durare almeno un paio d'ore. 
Il piatto risulta ancora più saporito se la cottura viene interrotta e ripresa il giorno successivo, arrivando così ad una tempo totale di  3 ore .
Ma ecco il risultato.....

Ingredienti
800g di carne di manzo
2 carote
1 spicchio di aglio
1 cipolla grande
1 canna di sedano
2 foglie di alloro
1 rametto di rosmarino
brodo vegetale
25g di burro
3 cucchiai di olio evo
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
noce moscata
pepe
1 chiodo di garofano
sale 
1 bicchiere di vino rosso - Gutturnio doc

Tritare le verdure e soffriggerle con olio evo (3 cucchiai circa) e burro nella pentola di coccio.
Dopo circa 4-5 minuti, unire la carne e rosolare a fuoco alto, dopo aver aggiunto gli aromi e le spezie (di chiodi di garofano ne consiglio 1 solo, perché tende a sovrastare tutti gli altri sapori e profumi).Aggiustare di sale.

Bagnare con il vino rosso, far evaporare l'alcol a fuoco alto, unire 2-3 mestoli di brodo vegetale caldo e continuare la cottura per 2-3 ore a fuoco molto basso e con il coperchio.
Ogni 30 minuti girare la carne evitando di forarla (usare un cucchiaio a punta piatta).
Dopo circa 2 ore unire il pomodoro.

La mia nonna era solita coprire il coccio con un piatto di sasso e dosare il vino rosso nel piatto, anzichè a contatto con la carne, mi sono ricordata solo ora di questa operazione...avrei provato volentieri, ma lo rifarò prima o poi...

Far raffreddare completamente la carne (anche in frigo) prima di affettarla, solo così rimarranno le fette intere.
Dopo aver tolto gli aromi dal soffritto, passarlo al minipimer, operazione utile a rendere questa salsa di verdure emulsionata ai condimenti e ai succhi rilasciati dalla carne.

Servire la carne affettata ricoperta con la salsa di verdure ben calda.

Con questa ricetta partecipo al contest di Max "Un coccio al mese":


La rubrica Cibo e Regioni è stata rimandata a lunedì mattina....mi raccomando tutti presenti!!!!

15 commenti:

  1. uhmmmm...saporitissimo il brasato di manzo! si...anch'io eviterei la cannella...troppo aromatica con le carni! come taglio di carne conosco il cappello del prete....ma la pernice non l'ho mai usata!
    bacioni buon fine settimana e...ci vediamo lunedi!

    RispondiElimina
  2. Direi un brasato perfetto...ben cucinato e perfettamente armonizzato con gli aromi, quelli giusti, senza eccedere. Al taglio credo con la salsina sopra una vera bontà di gusto e sapore...buon we e grazie per la ricetta, ciao.

    RispondiElimina
  3. Bello, porca miseria, bello| :)

    RispondiElimina
  4. so benissimo come vengono buone le cose cotte nel coccio!!!
    una leccornia da assaporare lentamente!
    baci

    RispondiElimina
  5. Ma dai....grazie del consiglio della cottura in due tempi...Troppo buono il brasato!!!!!!
    Un bacio Elena
    Buon Sabato e noi ci vediamo Lunedì!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Elena anche se non amo particolarmente il brasato, la tua esecuzione è impeccabile e mi viene voglia di assaggiarla...sei sempre bravissima!

    RispondiElimina
  7. Sjn quei piatti che, pur non mangiando quasi mai carne, correrei all'istante a papparmi!!!con moooolta soddisfazione!!!!ti è venuta alla grande ed il coccio poi dà quell'aria retrò che mi fa proprio impazzire!!!!Un bacione e buon sabato!!!!

    RispondiElimina
  8. che buono, comodo cuocerlo in due volte, soprattutto s e si ha gente a pranzo, baci

    RispondiElimina
  9. Mamma mia che piatto succulento!!! Adoro la carne che poi diventa tenerissima e quel sughetto.... davvero un piatto invidiabile!!! Baci

    RispondiElimina
  10. Che ricetta fantastica saporita e arricchita anche dai ricordi :)

    buon week end

    RispondiElimina
  11. Quel coccio è davvero speciale, così come il tuo brasato di famiglia!!!! ...cen'è che arrivo per cena!?;)

    RispondiElimina
  12. Piatto squisito, adoro il brasato. Il coccio gli da quel tocco in più! Un abbraccio, buona domenica.

    RispondiElimina
  13. Grazie, grazie a tutti..il brasato è un piatto invernale ma che presentato freddo anche in questa stagione si può fare...
    @Donaflor: la pernice come viene chiamata qui, è in realtà il sottospalla o pernice di spalla, ha sempre una venatura di collagene centrale che lo rende morbido nonostante le cotture prolungate...

    un bacione e buona domenica!!!!

    RispondiElimina
  14. che splendida preparazione, bravissima!!!!

    RispondiElimina
  15. ... E infatti, mica mi ero sbagliata! Il coccetto meritava proprio una visita! Buonissimo brasato, te ne do atto. E l'idea di continuare un'oretta la cottura il giorno dopo, mi mancava!! In fondo adoro gli stracotti e questo è veramente buono!!!
    E adesso ho sbirciato pure la pasta al forno con i pisellini! Vado a vedere. In pratica sto a pranzo a casa tua oggi! Bacio e buona domenica!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!