lunedì 31 dicembre 2012

Biscottini a ferro di cavallo.... con tanti auguri!!!!

Questi biscotti li ho preparati diverso tempo fa, ma per la forma a ferro di cavallo e per il fatto stesso che portino fortuna ho deciso che oggi era la ricetta giusta da postare!
Pare che l'origine di questa superstizione venga dalla leggenda di Saint Dunstan,  arcivescovo di Canterbury, che in gioventù era un fabbro e proprio allora inchiodò un ferro di cavallo allo zoccolo del diavolo, che era passato da lui per richiedere di ferrare il suo cavallo. Il diavolo verrà liberato dallo stesso Dunstan solo dopo aver ricevuto la promessa di non entrare mai più in un luogo protetto da un ferro di cavallo sulla porta.
Quindi ferri di cavalli a iosa, non solo attaccati alle pareti ma anche  sulla tavola della prima colazione di Capodanno.
La pasta utilizzata allo scopo è la classica Ovis Mollis, una frolla con i tuorli sodi e la fecola di patate. La patria di questa ricetta è l'Ungheria e vi assicuro che loro di dolci se ne intendono...quindi non perdete tempo e provateli!!!!


Ingredienti
5 tuorli d'uovo
200g di farina debole
150g di burro salato a pomata
100g di zucchero a velo
50g di fecola di patate
1 stecca di vaniglia
100g di cioccolato fondente
20g di burro di cacao

Setacciare la farina con la fecola.
Far rassodare le uova, eliminare l'albume e passare al setaccio i tuorli cotti.
Montare con le fruste il burro con lo zucchero a velo e quando questo composto risulta ben spumoso, unire i tuorli e la farina con la fecola.
Far raffreddare l'impasto per una mezz'oretta e poi formare dei salsicciotti della stessa lunghezza con la pasta.
Piegarli a ferro di cavallo e cuocerli in forno caldo a 180°C per 10-12 minuti. Lasciare raffreddare.
Sciogliere al micronde il cioccolato spezzettato e il burro, senza bruciarlo (dare 30 sec alla volta e aiutarsi con un cucchiaino a sciogliere per bene).
Immergere le estremità dei biscotti e far asciugare su carta assorbente o se volete una copertura omogenea valutate di "stenderli" come nella foto!!!!

Ora vi lascio offrendovi un dolcino e inviandovi i miei migliori auguri di Buon Anno!!!

Che sia un anno speciale, colmo di pace e di serenità, di salute e di gioia.....di tutto quello che voi desideriate!!!!

   Buon 2013!!!!!

Con questo dolce partecipo all'iniziativa Abbecedario culinario della Comunità Europea che per le ricette ungheresi  è ospitato dal blog Cindystarblog


sabato 29 dicembre 2012

Insalatona cotta e cruda

Tra Natale e Capodanno è obbligatorio cenare con qualche insalatona, altrimenti non si riesce a tenere il ritmo alto, non credete? Dobbiamo ancora "sopportare" il cenone di S.Silvestro e poi i festeggiamenti di Capodanno, quindi prepariamoci con una buon piatto di verdura colorata e ricca di fibre e vitamine....



Ingredienti
cavolo violetto
pomodori cuor di bue
insalata iceberg
carote viola
mais dolce (a piacere)
lime
olio evo
sale e pepe

Cuocere a vapore il cavolfiore dopo averlo diviso in cimette, con il bimby impostare 25 minuti Varoma vel.1, dopo aver inserito 1 l di acqua nel boccale.
Unirlo all'insalata iceberg mondata (per renderla ancora più croccante lasciarla immersa per 30 minuti in acqua e ghiaccio, e poi asciugarla), ai pomodori affettati e alle catore tagliate a julienne.
Condire con una citronette preparata emulsionando il succo di lime e olio extravergine, sale e pepe.
A piacere potete aggiungere il mais dolce, utile a far apprezzare questa insalata anche ai bambini.

Con questa insalata partecipo al contest Salutiamoci ospitato in questo mese nel blog L'orto di Michelle

venerdì 28 dicembre 2012

Flapjacks con zenzero e cioccolato

Quest'estate nella mia vacanza londinese mi ero regalata un libro di cucina, sui prodotti da forno, tante ricette mi avevano colpita, ma questa in particolare mi era rimasta impressa per la semplicità di esecuzione e per gli ingredienti...che adoro.
Ho provato a realizzarli, sono riusciti davvero bene e siccome sono molto versatili...basta variare la farcitura (albicocche secche o uva sultanina invece dello zenzero, cioccolato bianco o glassa al limone) mi sa che sarà un mio cavallo di battaglia per il futuro.... 



Ingredienti

85g di burro
55g di zucchero di canna
2 cucchiai di golden syrup (io miele)
25g di zenzero fresco
170g di fiocchi d'avena
70g di cioccolato fondente
20g di burro di cacao

Scaldare il forno a 180°C , in modo che sia in temperatura quando si deve infornare.

Mettere il burro, lo zucchero, il miele in una terrina, scaldare al micronde per 30 sec, max potenza, mescolare con cura, aggiungere lo zenzero grattugiato, inserire i fiocchi d'avena.

Mescolare e posizionare sul fondo di uno stampo da plumcake foderato con carta forno, premendo bene con il dorso di un cucchiaio.

Cuocere per 15 minuti circa, estrarre e far raffreddare.

Sciogliere a bagnomaria o in micronde il cioccolato con il burro di cacao e farcire la superficie della mattonella.

Mettere in frigorifero per 30 minuti.

Tagliare a tocchetti regolari, listarelle per formare delle classiche barrette o a quadratini per avere dei deliziosi finger food dolci.

Con questa ricetta partecipo all'Abbecedario Culinario della Comunità Europea organizzato da Trattoria MuVarA e ospitato per le ricette della Gran Bretagna da Food 4 Thought  

domenica 23 dicembre 2012

Buon Natale

Presepe esposto lo scorso anno  a Palazzo Farnese (Pc)  


Buon Natale a tutti!
Vi auguro di trascorrere una giornata serena e gioiosa!!!!!
A presto..... Elena

venerdì 21 dicembre 2012

Il Panettone

Buongiorno a tutti ...in vista del S. Natale l'appuntamento di Cibo e Regioni -Idee dall'Italia che cucina è stato anticipato al venerdì, anche perchè lunedì, la vigilia di Natale, saremo tutti in piena euforia natalizia....
Chi sarà alla ricerca dell'ultimo regalo, chi sarà a preparar delizie per la cena o per il giorno successivo... insomma è la classica giornata che dovrebbe essere almeno di 48 ore.
Altra ragione del nostro anticipo è che visto che l'argomento sarà proprio 
I dolci di Natale 
è possibile che potreste prendere spunto se magari foste a corto di idee...
Quindi partiamo subito con l'elenco dei nostri dolci, vi ispira qualcosa? Non esitate e correte a cliccare sul blog di riferimento....non tutti saranno in rete da oggi...ma magari da domani.... non disperate!


CALABRIA: I Petrali di Rosa ed Io

SICILIA: Cassata Siciliana di Cucina che ti Passa

TOSCANA: Dolci Natalizi Toscani di Non Solo Piccante

LOMBARDIA:  La bisciola di L’Angolo Cottura di Babi

VENETO: Il pandoro di Verona di Semplicemente Buono

FRIULI VENEZIA GIULIA: Kugelhupf o cuguluf di Nuvole di Farina

EMILIA ROMAGNA: Panettone di Zibaldone Culinario

TRENTINO ALTO ADIGE: Zelten di A Fiamma Dolce  


PUGLIA: Le Carteddàte di Breakfast da Donaflor

LAZIO: La Nociata di Chez Entity

LIGURIA: Pandoçe  di Un’arbanella di Basilico

UMBRIA: Pasta dolce di 2 Amiche in Cucina   

MARCHE: Lo zuccotto natalizio di La Creatività e i suoi Colori

ABRUZZO: Turcinille e dolci natalizi abruzzesi di In Cucina da Eva

VALLE D’AOSTA: Mencoulen, il Pane di Natale di  L’Appetito Vien Mangiando


BASILICATA: Le Cartellate di Pasticciando con Magica Nanà

MOLISE: Mostaccioli di Mamma Loredana


SARDEGNA: Dolci natalizi mandorle e uvetta Pabassinas sardi di Vickyart Arte in Cucina

La sottoscritta come avete letto presenta il panettone...sì lo so, il panettone è milanese, ma sfido chiunque a dire che in Emilia non si mangia...come in tutta Italia!
In casa mia è il dolce di Natale per eccellenza ed essendo pure quello preferito da mio marito, quest'anno  abbiamo iniziato a dedicarci gran parte dei nostri week end per riuscire ad ottenere dei risultati soddisfacenti.
Quindi in questo post vi proporremo la nostra ricetta, con i segreti e  i particolari che, almeno a nostro giudizio, sono indispensabili per ottenere un prodotto di buona qualità....la nostra ricetta di riferimento è stata quella di Adriano (qui), a cui abbiamo fatto qualche piccola variazione. 



Ingredienti
lievitino
60g di farina (W440; P/L 0,60)
60g di acqua
6g di lievito di birra
1 cucchiaino di miele

Primo impasto
lievitino
80g di lievito madre (rinfrescato la sera prima)
180 di farina (W440; P/L 0,60)
90g di zucchero
50g di acqua
3 tuorli di uova medie
70g di burro

Secondo Impasto
primo impasto
150g di farina (W440; P/L 0,60)
3 tuorli d'uovo
100g di zucchero
15g di acqua
3g sale
110g di burro

250g di uvetta
100g di arancia candita
buccia di 1 limone 
1/2 bacca di vaniglia
3 cucchiaini di miele
200ml di rum

Lievitino: mescolare il tutto e mettere a 26°C per 1 ora circa (deve almeno raddoppiare di volume).

Preparare gli aromi: grattugiare la scorza del limone unirla ai 3 cucchiaini di miele e alla vaniglia, scaldare al micronde (10 sec, a 900Watt), mescolare bene, chiudere con pellicola e far riposare fino all'utilizzo a temperatura ambiente. L'uvetta viene messa in ammollo con acqua e rum al 50%.

Primo impasto: unire la farina al lievito madre (rinfrescato la sera prima e lasciato a temperatura ambiente) e  al lievitino, impastare fino ad incordare l'impasto inserire lo zucchero e 1 uovo per volta e non unire il successivo finchè non avrà assorbito quello precedente.
L'impasto non dovrà scaldarsi (deve sempre rimanere tra i 26°C e i 22°C).
Aggiungere infine il burro a temperatura ambiente e farlo inglobare.
Mettere in una ciotola coperta con pellicola, in un luogo riparato a 26°C (il forno spento è l'ideale)  e attendere che triplichi (5-6 ore).

Secondo impasto: Unire alla farina il primo impasto, lo zucchero e l'acqua, impastare fino ad incordare l'impasto, iniziare ad aggiungere le uova: 1 uovo per volta, non unendo il successivo finchè non avrà assorbito quello precedente.
Inserire il burro (aggiungendolo poco alla volta) e il sale.
Aggiungere gli aromi preparati, i canditi e l'uvetta ammollata (dopo averla asciugata su carta assorbente).
Mescolare molto lentamente in modo da inglobare al meglio l'uvetta e i canditi. 
Mettere in ciotola ricoperta da pellicola e far riposare per 30 minuti a temperatura ambiente.
Passare in frigorifero per 12 ore (1 notte).

Togliere dal frigo e lasciare per 2 ore a temperatura ambiente in modo che si riscaldi lentamente, a questo punto si può  pirlare l'impasto e inserirlo nello stampo in carta da 1 kg oppure dividerlo in due e posizionarlo in due da 500g.
Coprire con pellicola e attendere che con la lievitazione l'impasto raggiunga 1 cm dal bordo (10-12 ore).
Quando si è pronti a cuocere tagliare con una lametta umida tagliare la superficie formando una croce, inserire qualche fiocchetto di burro e poi cuocere a forno caldo a 200°C per 7 minuti,  abbassare a 160°C per 30-35 minuti (se la superficie vi sembra troppo scura, posizionate un foglio di alluminio in superficie per proteggerlo).
Controllare la temperatura al cuore: deve arrivare a 94°C.
A cottura ultimata trapassare la base con degli spiedi (io aghi da lana) e mettere a raffreddare capovolto per almeno un paio di ore.

mercoledì 19 dicembre 2012

Mousse di yogurt con coulis di cachi

Questa splendida ricetta l'ho copiata da Giulia del blog Love at Every Bite, e già è lei questo mese il recipe-tionist di Cuocicucidici, è di una bontà unica .... se naturalmente piace lo yogurt!
E' semplice da preparare, ma è sicuramente un dolce al cucchiaio di grande effetto se si ricopre con una coulis di frutta dai colori sgargianti.
Anch'io ho scelto i cachi, frutto di stagione e dal colore vivace e solare... a chi non piace il colore arancione???
La mousse l'ho riprodotta tal quale, mentre per la base, che era a piacere, ho utilizzato il panettone - e che panettone!
Il panettone della Loison, in pratica un panettone di pasticceria, di una sofficità e gusto davvero speciali, provatelo è grandioso!
Unica variazione effettuata è stata la bagna per il fondo, invece della grappa che non a tutti è gradita, ho adottato il rum o il latte-caffè (per i bimbi).
Ma passiamo alla ricetta:

Ingredienti per 5 bicchieri
125g di zucchero
1 albume
35g di acqua
300ml di yogurt (io solo Mila bianco)
6g di gelatina in fogli
2 fette di panettone classico Loison
2 cucchiai di rum e 2 cucchiai di latte e caffè
2 cachi

Mettere in ammollo la gelatina in acqua fredda.

In un pentola con fondo spesso inserire l'acqua e poi lo zucchero, mettere sul fuoco e far bollire (arrivare alla temperatura di 121°C.

Nel frattempo montare l'albume con le fruste, aggiungere a filo lo sciroppo di zucchero (procedura utile anche a sterilizzare l'albume), continuando a montare e proseguire fino a quando non risulta quasi a temperatura ambiente (sarà una meringa soffice e lucidissima!).

Scaldare un cucchiaio di yogurt e inserire la gelatina, dopo averla ben strizzata, mescolare in modo da scioglierla completamente.

Unire al resto dello yogurt e poi alla meringa.

Preparare i bicchierini: mettere sul fondo il panettone a tocchetti e bagnarlo con il rum o il caffè latte, ricoprire con la mousse di yogurt. Mettere in frigo per 2-3 ore.

Frullare con il minipimer la polpa di due cachi.

Prima di servire la coppetta farcire la superficie con la coulis di cachi.

Con questa ricetta partecipo al contest di Flavia The recipetionist

martedì 18 dicembre 2012

Capesante gratinate con besciamella allo zafferano

Le capesante gratinate per le feste natalizie sono sempre un must, ma quest'anno avevo intenzione di variare la ricetta e così dopo aver letto a destra e  a manca mi sono esibita in una prova tutta mia.
Ho pensato ad una gratinatura diversa, senza pane grattugiato ed erbe aroamtiche, ho utilizzato una besciamella molto lenta con un paio di cucchiai di Trentingrana e lo zafferano. 
Per decorare ho utilizzato le bacche di goji, che dopo tanto cercare sono riuscite a trovare, sono i frutti del Lycium barbarum e pare siano ricchissime di antiossidanti, ferro e betacarotene, inoltre sono proprio buone sia tal quali che in aggiunta a dolci e.... da oggi, anche ai  cibi salati.
La loro funzione doveva solo essere decorativa invece è stata essenziale anche per il gusto, infatti hanno impresso l'acidità giusta per bilanciare il piatto...
E' stato un successo sia dal punto di vista visivo che gustativo, ecco la ricetta...


Ingredienti per 4 persone
4 capesante
1/4 di scalogno
1 cucchiaio di olio evo
2 cucchiai di brandy
sale
20g di burro
1/2 cucchiaio di farina
100-150ml di latte (purtroppo sono andata ad occhio...)
1/2 bustina di zafferano
20g di formaggio Trentingrana
bacche goji

Mettere in 100ml di acqua fredda e brandy (1 cucchiaio) le bacche in modo che si idratino un poco.

Lavare bene sotto il getto dell'acqua le capesante, aprirle con un coltellino ed eliminare la conchiglia piatta.

Soffriggere lo scalogno tritato, aggiungere i molluschi, rosolare velocemente, aggiustare di sale e sfumare con un cucchiaio di brandy.
Spegnere dopo al massimo 5-8 minuti.

Posizionare nelle conchiglie con un cucchiaino di sughetto, nel rimanente sciogliere lo zafferano.

Preparare una besciamella con il burro, la farina e il latte, dovrà essere molto lenta (se avete qualche dubbio sull'esecuzione cliccate qui), a fine cottura salare, aggiungere il formaggio grattugiato e il sugo allo zafferano.

Ricoprire ogni conchiglia con un cucchiaio di besciamella, gratinare in forno per 5 minuti a 200°C o in microonde per 3 minuti 610Watt con grill.

Decorare con le bacche goji prima di servire.

Per evitare che le conchiglie si pieghino e facciano uscire il ripieno, preparare con la stagnola dei piccoli anelli che vi serviranno da supporto per tenere diritte i gusci!

Con questa ricetta partecipo al contest di Cinzia e Valentina Colors and food what else? , in questo mese i colori sono il rosso e l'oro!!!

lunedì 17 dicembre 2012

Abbecedario Culinario della Comunità Europea

16 blog hanno il piacere di annunciare quest'oggi all'unisono, si potrebbe dire in eurovisione, un nuovo entusiasmante viaggio culinario che inizierà il 7 Gennaio 2013:

L'ABBECEDARIO CULINARIO
DELLA COMUNITÀ EUROPEA

Come direbbe De Gregori "alla fine di un viaggio c'è sempre un viaggio da ricominciare" e così dopo aver percorso la nostra Italia in lungo e in largo, da Aosta a Zocca, passando per Domodossola,  scendendo a Napoli e poi ancora più giù sino a Siracusa per poi risalire a Trieste, non siamo per niente stanchi e abbiamo ancora voglia di preparare la nostra valigia virtuale e di prendere in mano il nostro mestolo reale!

Avete capito bene, quest'anno l'abbecedario ci porterà in Europa, l'Europa della Comunità Europea, quella composta da 27 stati, ovvero 26 + 1, ovvero uno stato per lettera più la nostra Italia, ampiamente rappresentata dall'Abbecedario Culinario d'Italia appena conclusosi. E se ancora non ci credete, ecco la mappa!


Siccome ci piace la compagnia e l'anno scorso il viaggio è stato meno faticoso perché percorso assieme, anche quest'anno spetterà a un blog diverso ospitare ciascuna lettera, però c'è qualche novità e allora eccovi tutte le regole, da leggere attentamente:
  • Ogni lettera è associata a un piatto tipico di una nazione della Comunità Europea;
  • Ogni lettera è ospitata da un blog diverso;
  • Il blog ospite pubblica la ricetta corrispondente alla sua lettera;
  • Gli altri blog che vogliono partecipare pubblicano una ricetta --diversa da quella del blog ospite!-- tra le ricette tipiche della nazione ospitata.
Più brevemente, se volete partecipare ricordatevi la regola delle 4W:
  • WHEN: ogni 3 settimane esce una lettera;
  • WHAT: potete pubblicare una qualsiasi ricetta della nazione rappresentata da quella lettera (la ricetta può iniziare con qualsiasi lettera!), eccetto la ricetta pubblicata dal blog ospite;
  • WHERE: la ricetta la pubblicate nel vostro blog e poi lasciate il link al blog ospite come commento al suo post di apertura;
  • WHO: chiunque abbia un blog può partecipare, più siamo e più ci divertiamo quindi sarebbe fantastico fare più tappe possibili tutti assieme, ma potete partecipare anche solo per una lettera, anche una lettera sì e una no, anche solo i mesi dispari!
Non è ancora chiaro? Ecco un esempio:
Il 7 Gennaio Mony del blog Gata da Plar inizierà ospitando la lettera A con la ricetta della Appeltart che rappresenterà i Paesi Bassi. Da quel momento ci saranno 3 settimane di tempo per pubblicare una qualsiasi ricetta dei Paesi Bassi che non sia la Appeltart. Una volta pubblicata, lascerete il link come commento al post di Mony.

Bene, ora dovrebbe essere tutto chiaro e quindi siete pronti per l'elenco delle lettere, ovvero delle ricette, ovvero delle nazioni, ovvero dei blog ospite!
  • A come Appeltart
    • Nazione: Paesi bassi
    • Blog ospite: Gata da plar
    • Periodo: dal 07/01/13 al 27/01/13
  • B come Bryndzové halušky
    • Nazione: Slovacchia
    • Blog ospite: Crumpets & Co.
    • Periodo: dal 28/01/13 al 17/02/13 
  • C come Canja 
    • Nazione: Portogallo
    • Blog ospite: La melagranata
    • Periodo: dal 18/02/13 al 10/03/13 
  • D come Drob
  • E come Escargot
  • F come Frikadeller
  • G come Gulash
    • Nazione: Ungheria
    • Blog ospiteCindystar
    • Periodo: dal 13/05/13 al 02/06/13
  • H come Hong am Rèisleck
    • Nazione: Lussemburgo
    • Blog ospite: Girli chef
    • Periodo: dal 03/06/13 al 23/06/13 
  • I come Irish stew
    • Nazione: Irlanda
    • Blog ospiteThe dreaming seed
    • Blog ospite
    • Periodo: dal 24/06/13 al 14/07/13 
  • J come Jacket potatoes
    • Nazione: Regno Unito 
    • Blog ospiteFood 4 thought
    • Periodo: dal 15/07/13 al 04/08/13 
  • K come Kalakukko
  • L come Laxpudding
  • M come Moussaka
  • N come Njoki
    • Nazione: Slovenia
    • Blog ospiteTutto a occhio 
    • Periodo: dal 07/10/13 al 27/10/13 
  • O come Orsotto
    • Nazione: Estonia
    • Blog ospite: Cafe Lynnylu
    • Periodo: dal  28/10/13 al 17/11/13 
  • P come Paella
    • Nazione: Spagna
    • Blog ospiteBurro e Zucchero
    • Periodo: dal 18/11/13 al 08/12/13 
  • Q come Quarkkäulchen
    • Nazione: Germania
    • Blog ospiteBriciole
    • Periodo: dal 09/12/13 al 29/12/13 
  • R come Ross Fil-Forno
  • S come Sachertorte
    • Nazione: Austria
    • Blog ospiteTorte e dintorni
    • Periodo: dal 20/01/14 al 09/02/14 
  • T come Trdlo
    • Nazione: Repubblica Ceca
    • Blog ospite: Ricette di cultura
    • Periodo: dal 10/02/14 al 02/03/14 
  • U come Undens Klinger
    • Nazione: Lettonia
    • Blog ospiteBriggis'home
    • Periodo: dal 03/03/14 al 23/03/14
  • V come Vedarai
    • Nazione: Lituania
    • Blog ospite: Mestolando
    • Periodo: dal 24/03/14 al 13/04/14
  • W come Waterzooi
  • X come Xirotigani
  • Y come Yahni
    • Nazione: Bulgaria
    • Blog ospite: Nastro di raso
    • Periodo: dal 26/05/14 al 15/06/14 
  • Z come Żurek
    • Nazione: Polonia
    • Blog ospite: Cucina precaria
    • Periodo: dal 16/06/14 al  06/07/14
Come vedete non siamo ancora al completo...e sapete perché? Perché stiamo aspettando che siate voi ad aggiungervi al nostro viaggio e a ospitare le nazioni ancora prive di "ambasciatore"! Chiunque fosse interessato invii una mail a trattoriamuvara_at_gmail.com mettendo come oggetto "Abbecedario Culinario della Comunità Europea" e indicando nella mail almeno 3 nazioni che si sarebbe disposti a ospitare. Il numero è chiuso, per cui chi prima scrive ha più possibilità di partecipare!

Ricordatevi, non si vince niente ma si regalano tanti sorrisi... e se vi piacciono i nostri sorrisi, seguiteci anche su Facebook!

venerdì 14 dicembre 2012

Budino salato di Trentingrana e spinaci con speck croccante e mostarda di mele della Val di Non

Da quando Francesca-Acquolina ci ha insegnato la ricetta dei budini salati, ho iniziato a prepararli, e non mi sono più fermata....
Li trovo eleganti e versatili, ideali come antipasto se decorati o serviti con creme e cremine, ma anche come contorno un po' diverso dal solito.
In questa ricetta ho cercato di utilizzare tutti prodotti del Trentino Alto Adige, come per celebrare questa regione così speciale, che porto nel cuore da sempre e in cui vorrei trascorrere la mia pensione (illusa... credo ancora a Babbo Natale!!! io in pensione non ci andrò mai!!!!).
Il formaggio trentingrana, famoso per la sua dolcezza e il suo sapore, le mele saporite e profumate e lo speck , che non ha bisogno di presentazioni.
L'assaggio di questo antipasto è un contrasto continuo, morbido- croccante, dolce- saporito, piccante -delicato...insomma vi consiglio di provarlo è un 'esperienza simpatica e gustosa!



Ingredienti per 4 persone
per i budini
150ml di panna
50ml di latte
70g di Trentingrana grattugiato
80g di spinaci lessati 
1 uovo
1 pizzico di sale
 per la mostarda
1 mela golden (120g mondata e pelata)
120g di zucchero
2 gocce di essenza di senape (acquistata in farmacia)

 speck IGP Alto Adige
1 cucchiaino di olio extravergine di oliva

Unire la panna con il latte e l'uovo, miscelare inserendo il formaggio e gli spinaci non tritati (in modo da dare l'effetto marmorizzato).
Aggiustare di sale e introdurre in coppette di alluminio.
Cuocere a bagnomaria in forno caldo a 180°C per 25-30 minuti (inserire acqua bollente nella teglia appena prima di infornare).

Tagliare a tocchetti la mela e cuocere a vapore (con il bimby impostare 20 minuti, con la pentola a pressione dal fischio 5 minuti).
Passare al minipimer, aggiungere lo zucchero e cuocere in una piccola pentola a fuoco basso circa 10 minuti, mescolando sempre.
Lasciare raffreddare e aggiungere le gocce di senape (attenzione ha un sapore e un profumo molto forte), mescolare.

Tagliare a listarelle 2-3 fette di speck e tostarlo in padella con un poco di olio. Scolare su carta assorbente e asciugare.

Assemblare il piatto: mettere un cucchiaio di mostarda a specchio, aggiungere il budino (volendo si può scaldare 1 minuto al micronde), decorare con lo speck.

giovedì 13 dicembre 2012

Torta di ricotta e amaretti

Questa ricetta "di famiglia", mi ha accompagnato nella crescita e ora che sono mamma  spesso la preparo per le festicciole di mio figlio, o per una merenda veloce quando gli amichetti vengono in giardino a giocare... E' semplice e veloce da preparare, economicamente poco dispendiosa ed essendo poco elaborata viene sempre gradita da tutti...
Guardate un po'....



Ingredienti

250g di farina
220g di zucchero
250g di ricotta
80g di burro
50g di cioccolato fondente a tocchetti o gocce di cioccolato
1 bustina di baking
2 uova
10 amaretti
caffè e /o rum
zucchero a velo

Mescolare lo zucchero con il burro ammorbidito, unire la ricotta, e poi uno alla volta l'uovo intero, facendo attenzione ad amalgamarlo completamente prima di aggiungere il secondo.

Unire la farina setacciata con il lievito e infine il cioccolato.

Imburrare o foderare di carta forno una teglia diametro 22cm, mettere parte (circa la metà) dell'impasto, disporre gli amaretti dopo averli bagnati nel caffè (o caffè e rum, a seconda dei gusti), ricoprire con il resto dell'impasto.

Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 35-40 minuti.

Sformare quando si è raffreddata e spolverizzare con zucchero a velo.

mercoledì 12 dicembre 2012

Crostini colorati con acciughe e cavolfiore

Al supermercato sabato scorso ho trovato questo splendido cavolfiore, non potevo assolutamente non comprarlo, il colore era splendido!
Non ci ho pensato due volte e appena a casa...dopo la foto...l'ho subito cotto a vapore e deciso come consumarlo.
Prima di tutto un'insalatona...che proporrò tra qualche giorno e poi siccome a sera avevo a cena mio nipote ho azzardato a preparare uno stuzzichino veloce da servire con un bicchiere di Sauvignon dei Colli Piacentini.
Sono stati apprezzati anche se piuttosto alternativi, sicuramente il cavolfiore viola ha un gusto più delicato e anche in casa il classico "profumo" era decisamente attutito... quest'ultima caratteristica non è da sottovalutare!



Ingredienti
pane integrale
acciughe in olio extravergine d'oliva
cavolfiore viola
semi di sesamo
sale
olio evo

Cuocere a vapore il cavolfiore dopo averlo diviso in ciuffetti, con il Bimby a varoma imposto 25 minuti, vel 1, dopo aver inserito nel boccale 1 litro di acqua. Tagliare il pane in fette sottili (è importante utilizzare prodotti bio, meno pesticidi ingeriamo e meglio è ...non credete?) tostare leggermente in una ben padella calda (un paio di minuti per lato..non di più).
Distendere un'acciuga sul crostino (le acciughe, si possono preparare in casa: utilizzare le acciughe sotto sale, dissalatele per bene anche con l'aiuto dell'acqua corrente, asciugare con carta assorbente, arrotolarle e posizionarle in un vaso, ricoprire con olio evo di buona qualità!).
Salare leggermente le cime di cavolfiore, posizionarle sul crostino, spolverizzare con i semi di sesamo (meglio se tostati in padella antiaderente ben calda, fare attenzione a non bruciarli!) e condire con un filo di olio evo.

Con questo stuzzichino partecipo al contest Salutiamoci ospitato in questo mese nel blog L'orto di Michelle
e al contest Un'acciuga al giorno del blog di Cristina Poveri, ma belli e buoni

lunedì 10 dicembre 2012

WHB#363 il raccolto ... the round up


Buona settimana!

Eccomi pronta a pubblicare il raccolto del WHB#363

Inizio subito la carrellata delle belle foto inviate, ringraziandovi di cuore per la partecipazione!

In ordine di arrivo....vi presento....

Libera del blog Accanto al camino, da Udine,  con le sue magiche Frittelline salate di zucca e zafferano...un piatto tutto d'oro!

Carla Emilia da Genova ci presenta dal suo blog Un'Arbanella di Basilico una torta salata d'eccezione...
Torta di zucca e zucchine

Kristina, che vive in un borgo incantato in provincia di Trieste oggi tutto imbiancato, ci invia delle bellissime Focaccine con zucca ed erba cipollina, pubblicate nel suo blog Tutto ad occhio

Cinzia del blog Cindystar dal Veneto  ci propone tante Tortine salate ripiene di pasta monoporzione, una vera chiccheria...che ne dite?

Brii del blog Briggishome,che vive vicino al Lago di Garda, ci consiglia come usare gli scarti del cavolo, ecco la sua Tapenade di cavolo 
Graziana del blog Erbe in cucina ci manda questa originale ricetta...Cheese Toast all'avocado e cumino



e infine vi lascio i miei gnocchetti di zucca conditi con sugo di funghi....sono molto profumati e gustosi ...provateli!
.
... e mi raccomando partecipate pure questa settimana....

saremo ospiti di Graziana del blog Erbe in cucina...non mancate!



English version
Good week!!!

I'm ready to introduce the round up of WHB#363.

Now, I begin to show  your beautiful photos with the link to the recipe, thank you very much!!!!!

In arrive order....I present to you........



Sharmistha of blog Cook  a doodle do, lives in Hyderabad, India. Her recipe is Raw Jackfruit Curry-Bengalese Style and she shows us this alternative plant

Janet ,The Taste Space, lives in Toronto Canada. She send us her Savoury Oatmeal with Vegan Ponzu Sauce, it's very interesting food!

Sra of When My Soup Came Alive blog, lives in India, and presents Radish Pods Stir-Fry, she explains the Radish pods, which in North India are known as moongre.

Marija, from Serbia, publishes in her Palachinkablog, the  recipe of Cauliflower-gratin.
It's a very good recipe!


Haalo, of Cook almost anything's blog, send us the recipe of Amarena Cherry and White Chocolate Brownies; she lives in Sidney, Australia

Cinzia of Cindystar's blog, lives in Italy and shows these delicious Pasta Pot Pies.
They are very elegant, ideal for Christmas lunch

Brigida of Briggi's home, lives in Italy near Garda Lake; 
she offers Kale (with waste) Tapenade, great way to recover vitamins! 

Graziana, Erbe in cucina's blog, send us her Cheese Toast with avocado and cumin

and my recipe: Pumpkin gnocchi with mushroom sauce


Here we are at the end of the round up....Participate again this week!

WHB is hosting by Graziana of Erbe in cucina