mercoledì 6 marzo 2013

La pastiera di maccheroni.... per Quanti modi di fare e rifare

Oggi è il 6 marzo e come ogni mese c'è l'appuntamento con le donne dei "Quanti"...ma come non avete capito di chi parlo? 
E' l'iniziativa "Quanti modi di fare e rifare", organizzata dalla nostra cuochina, una super esperta di lievitati, aiutata da Anna e Ornella.
Ogni mese ci si ritrova a cucinare una ricetta di un'amica, confrontando le diverse interpretazioni, che possono essere identiche all'originale o proporre nuove varianti.
E' un modo piacevole di conoscere nuovi piatti e confrontarsi con nuove tecniche o ingredienti... provate a dare un'occhiata qui se vi interessa.
Oggi siamo in cucina da Francesca, che vive in posto incantato, con pettirossi e cerbiatti che gironzolano in giardino e delle bellissime montagne ..ah come ti invidio!!!
Abbiamo preparato la pastiera di maccheroni, una ricetta tradizionale della Campania, tipica del periodo pasquale, perchè Francesca è vesuviana, come dice lei...
Mi è venuta subito benissimo, non ho fatto variazioni, non avendola mai assaggiata non volevo stravolgere la ricetta, unica licenza è stato l'uso dell'arancia candita anziché il cedro, che preferisco e che ha rafforzato il profumo già dato dall'acqua di fiori d'arancio. Be' anche la sugna, ad essere precisi, non l'ho usata..qui non si trova, e quindi l'ho sostituita con il burro.
Ringrazio di cuore Francesca, per avermi fatto conoscere questa originale ricetta, che non avevo né mai visto, né assaggiato...è stata una è piacevole scoperta...
Inoltre è veloce da preparare e, se si riesce a resistere, dopo un paio di giorni è ancora più buona...almeno questo è quello che ho riscontrato... voi che ne dite?


Ingredienti (teglia diametro 20cm)
125g di spaghettini
200ml di latte
200g di zucchero
2 uova
20g di cedro candito (io arancia candita)
20g di sugna (io burro)
1 cucchiaio di acqua di fiori d'arancio
sale

Far cuocere gli spaghettini (i miei sulla confezione riportavano 6 minuti di cottura) in abbondante acqua bollente con un pizzico di sale, come definito sulla confezione.
Scolare l'eccesso di acqua, lasciandone tanta da coprirli appena  (io avrò mantenuto circa 3 cucchiai), Unire il latte, lo zucchero, le uova sbattute, i canditi a tocchetti, l'acqua di fiori d'arancio e il burro fuso.
Imburrare una teglia da 20 di diametro (non utilizzate teglie apribili ... ho provato ed essendo un composto molto liquida è uscito ... ma ho subito travasato nella ciotola e il mio lavoro si è salvato!!!), inserire il composto.
Volendo, è possibile decorare con i canditi, che non vanno a fondo perché gli spaghetti li mantengono a galla, ma poi risultano piuttosto croccanti, devono piacere...
Cuocere in forno già caldo a 200°C per 50 minuti con funzione forno ventilato senza grill.



Naturalmente con questa ricetta partecipo all'iniziativa  Quanti modi di fare e rifare 


Il 6 aprile saremo tutti a casa di Spery del blog Babà che bontà a cucinare gli Strangulaprievet'



29 commenti:

  1. Buon giorno Elena e ben ritrovata!

    Oggi nelle nostre bellissime cucine aleggiano profumi fioriti ed deliziosi aromi pasquali!
    Che meraviglia anche la tua versione della Pastiera di maccheroni, grazie per averla preparata con noi!
    Colgo l'occasione per augurare a te e famiglia una buona Pasqua.
    Ti ricordo il prossimo appuntamento, da non mancare assolutamente, del 6 di aprile con gli Strangula prievet' di Spery.
    Un abbraccio

    Cuochina

    RispondiElimina
  2. ciao carissima Elena, bella la tua versione con i canditi a vista...un abbraccio

    RispondiElimina
  3. una versione magistrale complimenti Elena

    RispondiElimina
  4. woow che ricetta straordinaria!

    RispondiElimina
  5. Ci è piaciuta un sacco, ed hai ragione tu...un paio di giorni dopo è ancor più buona!!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Elena :) Buonissima la tua versione, da provare! :) Complimenti, ti abbraccio e ti auguro una splendida giornata :) :**

    RispondiElimina
  7. ciao Elena, che spettacolo questa pastiera di maccheroni, eh?
    baci e buona giornata

    RispondiElimina
  8. Bella e buona anche la tua versione! Bravissima!

    RispondiElimina
  9. Bravissima! Chissà che buona! Fra tutte queste versioni adesso sono con l'acquolina!

    http://lemilleunapassione.altervista.org/

    RispondiElimina
  10. bella anche la tua! no in effetti ci vuole la teglia quella tipica da pastiera :) è molto liquido.. ciao cara!

    RispondiElimina
  11. Ho già sentito qualcun'altra che voleva usare la teglia apribile... Meno male che hai risolto subito :)
    A me piacciono molto quelle belle fette di arancia candite che formano fiore, oltre che buona è anche bella :)
    Baci

    RispondiElimina
  12. Bellissima versione! Anch'io ho usato le arancie candite per necessità! Se ti consola l'errore della teglia io l'ho fatto con la cheesecake...

    RispondiElimina
  13. Altra versione spettacolare e deliziosa, brava Elena :-) un bacione

    RispondiElimina
  14. Anche a me è successo......praticamente l'ho dovuta rifare.
    Molto bella la tua versione ,complimenti!

    RispondiElimina
  15. Una ricetta che è una vera scoperta!!!!!!
    Complimenti Elena
    Davvero profumata e originale questa pastiera!!!!!!
    Insomma se poi dici che è veloce da fare...bè non rimane che provarla
    Un bacioneeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  16. Concordo dopo un paio di giorni e` ancora piu` buona e ...sento da qui il profumo delle tue scorzette...perfetta e bella alta come piace a me!
    Sono davvero contenta che ti sia piaciuta

    francesca

    RispondiElimina
  17. Ciao Elena, buona anche la tua pastiera! Ed è vero che dopo qualche giorno è ancora più buona... merito del fatto che mi è venuta una dose gigantesca, perché non riuscivo a resistere troppo al suo profumo ;) bacione

    RispondiElimina
  18. Questa per me è stata una splendida scoperta, davvero gustosa questa pastiera! Un bacione

    RispondiElimina
  19. Ciao Elena,
    golosa anche la tua versione, e... hai ragione dopo qualche giorno è ancora più buona!
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  20. Anch'io trovo che sia più buona dopo un paio di giorni...se ne rimane :-D E' buonissima e la tua versione con i canditi a fiore è stupenda! Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. che meraviglia Elena...me l'ero segnata anche per provarla e invece...mi sono persa :)
    la proverò, comunque! perché è davvero tanto tanto invitante!
    un bacione bellissima!

    RispondiElimina
  22. Grazie, grazie a tutti... è proprio un ricetta originale e gustosa... semplice da preparare e simpatica da servire... cosa vogliamo di più??? bacioni a tutti!

    RispondiElimina
  23. ciao Elena, splendido profumo di arancia nella tua pastiera.
    Molto bella e invitante...e
    siamo andate, come dici tu, anche in un posto incantato!!
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  24. Splendida anche la tua versione ciao ciao!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  25. Ciao Elena, questa mi attira molto, amo già di mio la pastiera "normale" col grano ma questa dev'essere proprio golosa. Bacio2.

    RispondiElimina
  26. in ritardo ma eccomi!!! sicuramente buona...come dubitare? sei una grande! ciaoooo

    RispondiElimina
  27. Ciao Elena, eccomi! Piatto eccezionale, pieno di ricordi per me: la pasquetta, le partite a calcio, le domeniche all'aperto. Ogni tanto la preparo, ed è sempre un bel momento.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!