domenica 29 dicembre 2013

Weißwurst mit Sauerkraut, kartoffeln und senf - Wurstel con vitello, accompagnati da crauti, patate e senape

Tutte le volte che sono stata in Germania, i wurstel mi hanno sempre accompagnato!!!
Li ho assaggiati di suino, di vitello, di carni miste.... erano sempre presenti: in Hotel al mattino, cena di sera , al ristorante, ma anche per strada o sulle gare di moto.
Infatti, oltre ad essere un piatto tipico, lo possiamo considerare il vero street food tedesco!
L'ho trovato spesso servito in vassoi di cartone con una carta oleata, utile a rendere impermeabile la carta, con senape e ketchup, oltre a patate fritte o arrosto; il wurstel è quasi sempre cotto in acqua, ma si può trovare anche alla griglia (io lo preferisco!). 
Per questo ho voluto riproporlo per questa tappa, cercando per mare e per terra il wurstel bianco (questo in particolare è di carne mista vitello e suino), decisamente più particolare. 
Anche i crauti presenti nella ricetta devono essere citati: non sono altro che una preparazione a base di cavolo cappuccio,non sono i veri crauti!
I veri sauerkraut, in Germania, vengono preparati attraverso una fermentazione lattica controllata con l'aggiunta di sale; questo procedimento era usato come metodo di conservazione.
Il gusto dell'ortaggio viene modificato dalla procedura, infatti lo rende più aspro e acido anche se è proprio questa caratteristica acidità che favorisce la digestione. 
I miei sono homemade, a base di vino bianco e ben cotti, con l'aggiunta di cumino; è il vino che  rende li rende simili a quelli fermentati.
In ogni caso, se volete, potete acquistarli anche al supermercato in scatola già pronti.
Ed ora assaggiamo il tutto, senza dimenticarci di accompagnarlo con un buon boccale di birra... la bevanda tedesca per antonomasia!!!


Ingredienti per 4 persone
4 wurstel bianchi
4 patate
1/4 di cavolo cappuccio
1 bicchiere di vino bianco
olio evo
1/2 cipolla
cumino
senape

Pelare le patate e tagliarle a fette spesse circa 1 cm, cuocerle a vapore  (bimby: inserire 1 l di acqua nel boccale, impostare varoma per 20 minuti, vel 1 ).
In una padella antiaderente scaldare due cucchiai di olio, posizionare le patate senza sovrapporle, cuocere a fuoco alto in modo da rosolarle e formare la crosticina da entrambi i lati. Aggiustare di sale.

Tagliare il cavolo cappuccio a listarelle sottili.In una padella con un paio di cucchiai di olio, rosolare la cipolla affettata, aggiungere il cavolo. Dopo aver rosolato, sfumare con il vino, aggiustare di sale e continuare la cottura per un'oretta, con coperchio, mettere acqua, se necessario.

Far bollire 1 litro di acqua in una pentola capiente, al bollore inserire i wurstel e spegnere il fuoco.
Attendere 10 minuti prima di servirli.

Impiattare i wurtel con il cavolo cappuccio cotto in vino bianco (in modo da renderlo molto simile ai crauti: cavolo sottoposto a fermentazione lattica naturale) spolverizzato con semi di cumino, patate rosolate e senape.


Con questa ricetta partecipo all'iniziativa Abbecedario culinario della Comunità Europea che per le ricette tedesche  è ospitato da Simona del blog Briciole


4 commenti:

  1. Buonissimi!! Questa è la prima cosa che mangio quando metto piede in suolo germanico!! Ogni volta!! Ottimi!!

    RispondiElimina
  2. Ti faccio tantissimi auguri x un 2014 spumeggiante e ricco di soddisfazioni, purtroppo non riuscirò ad essere presente nei prox giorni ma non potevo non passarti a salutare :<3
    la zia consu

    RispondiElimina
  3. Cosa c'è di piu tedesco?! Ottima scelta!!!
    Ti faccio qui i miei auguri per un nuovo anno sereno!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  4. Posso dirti che fare i crauti in casa e' piuttoto semplice: occorre tenere un po' d'occhio la fermentazione ma poi i batteri fatto tutto da loro. Hai preparato un bel piatto davvero tedesco. Grazie per il contributo all'Abbecedario.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!