venerdì 3 gennaio 2014

Patè di lenticchie al pepe rosa

Questo patè vegetariano è davvero speciale!
La ricetta è della cara Mapi, una vera garanzia, ed è pubblicata sul magico libro L'Ora del patè, ma come non lo avete ancora acquistato, correte subito in libreria... i libri vanno a ruba!!!!
A parte gli scherzi, il nostro libro è stato davvero un successone, proprio di oggi la notizia che siamo al quinto posto nelle vendite di libri di gastronomia su Amazon, una bella soddisfazione!!!
Ma passiamo alla ricetta, semplice, gustosa, un po' diversa, il pepe rosa dà una nota speziata non invadente, il Marsala lo rende profumato e le lenticchie di Castelluccio fanno il resto!
Lo potete presentare con dei crostini, del pane tostato, come nel mio caso o anche come elemento su di una tartina in compagnia del classico zampone... fatto per Capodanno e vi assicuro che è di grande effetto oltre che di Buon gusto!!
Infatti questo patè l'ho già fatto e rifatto...ne ho anche provato una versione leggera, eliminando il burro e mettendo un formaggio, risultato ottimo comunque.... quindi tra parentesi troverete le dosi e il tipo di formaggio utilizzare per creare il patè light....
Ed ora bando alle ciance ....



Ingredienti (stampo da 500ml)
180g di lenticchie di Castelluccio
1/2 l di brodo vegetale
1 piccola cipolla
2 spicchi di aglio
2 cucchiai di pepe rosa
30g di burro (o 80g di Philadelphia light)
1 cucchiaio di Marsala
1 rametto di maggiorana
2 cucchiai di olio evo
sale q.b.

Scaldare l'olio e soffriggere aglio con cipolla, unire le lenticchie, precedentemente ammollate per 2 ore.

Mescolare, aromatizzando con il pepe e la maggiorana, coprire con il brodo  e cuocere con coperchio per 40 minuti a fiamma bassa.

Aggiungere brodo se dovessero asciugarsi troppo.

Finito il tempo, scoperchiare e proseguire a fiamma viva se fossero troppo acquose.

Sfumare con il Marsala, facendo evaporare l'alcol.

Far raffreddare.

Passare al frullatore aggiungendo il burro morbido o il formaggio, per la versione light.

Metterlo nello stampo o nelle ciotole, lasciare riposare in frigorifero coperto per 1 notte.

Ho provato a fare delle monoporzioni ideali da servire, foderando con la pellicola il contenitore in modo da riuscire a sformare nel migliore dei modi.

Prima di servire decorare con pepe rosa.

Con questa ricetta partecipo al contest: Idee per il menù delle feste del blog Acqua e Menta

10 commenti:

  1. E non posso non comprarlo il libro!!! e il patè è da provare :-) Ma quanti libri compro?!!!!! Tra poco esco io di casa per i libri... no devo fare una libreria, mi ci vuole :-) Bravissime tutte!!!!

    RispondiElimina
  2. Sorprendentemente fantastico questo purè, un modo alternativo si servire le lenticchie anche a coloro che non gradiscono i legumi. Complimenti e tanti affettuosi auguri di Buon Anno cara Elena a te e famiglia. Bacioni.

    RispondiElimina
  3. Che soddisfazione enorme sarà! Sono tanto felice per te! Buon 2014 cara

    RispondiElimina
  4. ma che bell'utilizzo delle classiche e solite lenticchie,ottimo :)

    RispondiElimina
  5. Sembra davvero goloso, ho giusto delle lenticchie da smaltire e prendo volentieri spunto dalla tua ricetta :-D Grazie e buon inizio 2014 :-D
    la zia Consu

    RispondiElimina
  6. Elena che bellissima idea! Adoro le lenticchie ma con questo patè alternativo non le avevo mai provate... mi sembra una proposta originale e gustosissima, me la segno che al più presto la faccio! Intanto ti faccio i miei migliori auguri per un buonissimo 2014, buono come questo patè!

    RispondiElimina
  7. Delizioso!!! Le lenticchie non le ho mai fatte in patè ma mi ispira tantissimo!! Bravissima!!

    RispondiElimina
  8. questo è uno dei patè che non vedo l'ora di provare :D

    RispondiElimina
  9. Io adoro i paté, quindi questo libro non posso proprio perdermerlo !!!!!!! Il tuo mi piace tantissimo e di sicuro lo proverò, perchè è davvero insolito con le lenticchie !!!!
    Bacioni e buon anno

    RispondiElimina
  10. Una ricetta che merita davvero! Dovrò provarla anch'io. Con il libro a portata di mano sono tante le cose che vorrei fare. Baci cara.

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!