domenica 12 marzo 2017

Gulasch di manzo dell'Alto Adige per Quanti modi di fare e rifare


E oggi si cucina tutti assieme per la rubrica Quanti modi di fare e rifare!
La Cuochina ci porta in Alto Adige, la mia seconda patria, tutti sanno quanto amo quella terra, le sue montagne, gli abitanti, le tradizioni, ogni volta che mi allontando cado in una tristezza infinita che mi accompagna per tutto il viaggio.
Da quando sono piccola vado in vacanza in Val Pusteria, se riesco sia in estate sia in inverno, lì mi trovo bene, come a casa, anzi meglio e mi auguro sempre di porterci andare a vivere prima o poi.
Quando arrivo al casello autostradale di Bressanone, sento già "profumo di buono", la resina degli abeti innonda l'abitacolo dell'auto e da quel momento inizio a sentirmi meglio.
Ma torniamo alla cucina, che qui in Tirolo, è ricca e gustosa, proprio come questo gulasch a cui ho voluto accompagnare gli spatzle, dei gnocchetti di farina molto deliziosi,di cui mio figlione va matto.
Spesso il gulasch viene servito con i canederli, ma ci sono locali in cui anche questi gnocchetti vanno alla grande e a mio parere forse si accompagnano meglio!
Questa ricetta dello "spezzatino tirolese"è un mix tra quella della Cuochina e di Anneliese Kompatscher, nel suo libro La cucina nelle Dolomiti. Ho utilizzato delle spezie acquistate proprio in zona,  nella lista degli ingredienti ho scritto i componenti del prodotto (purtroppo non conosco le dosi precise, ad occhio poco cumino e peperoncino, molta paprika dolce).
Ecco la ricetta e buona domenica!!!



Ingredienti per 4 persone
Gulasch
800g di spezzatino di manzo
200g di cipolle
50g di speck
120ml di vino rosso
1 cucchiaio di aceto
maggiorana
alloro
cumino
paprika dolce
1 spicchio d'aglio
peperoncino
sale
5 cucchiai di olio evo
30g burro
2 cucchiai di farina rasi
scorza di mezzo limone

Spatzle
300g di farina
2uova
1 pizzico di sale
140g di acqua

Consistenza dell'impasto
Affettare sottilmente le cipolle e l'aglio, tagliare a cubetti lo speck, scaldare l'olio una una casseruola bassa con coperchio, unire le cipolle el'aglio e lasciare imbiondire a fiamma bassa.

Aggiungere la  carne tagliata a cubotti, rosolarla da tutte le parti, in modo che si formi una leggera crosticina, sfumare con il vino e l'aceto, lasciare evaporare  e aggiungere le spezie (le mie erano predosate).

Aggiungere un bicchiere di acqua , coprire e lasciare cuocere a fuoco basso per circa due ore , controllando il livello dei liquidi, al limite aggiungere un poco di acqua ancora.

A questo punto, miscelare il burro a pomata con la farina, mescolando velocemente in modo che si amalgamino perfettamente, aggiungere al sugo e aggiustare di sale.
Spegnere il fuoco quando il sugo dello spezzatino ha raggiunto la densità voluta.

Preparare un trito di scorza di limone, cospargere non appena si spegne il fuoco.
Apparecchio per spatzle
Mantenere coperto a riposare per circa 5 minuti prima di servire accompagnato dagli spatzle.

Preparare l'impasto degli spatzle. con una frusta amalgamare la farina con le uova, salare  e poi aggiungere lentamente l'acqua, fino ad ottenere un composto colloso. Far riposare 30 minuti.

Far bollire 2 litri di acqua leggermente salata, raggiunto il bollore  colare i gnocchetti con l'attrezzo apposito.
Non appena vengono a galla, scolarli con la schiumarola e servirli subito con il gulasch.

E' possibile prepararli in anticipo, raffreddandoli con acqua fredda, verranno poi scaldati al micronde prima di essere serviti.




Vi aspettiamo il prossimo mese per un appuntamento con:
il Tagano, piatto regionale siciliano, di Agrigento, che solitamente si consuma nella giornata di Pasquetta.

8 commenti:

  1. Buongiorno carissima Elena!
    La primavera finalmente si sta avvicinando accompagnata da tiepidi raggi solari, melodiosi cinguettii e gemme pronte a sbocciare! Nell'attesa di ammirare la completa, meravigliosa rinascita della Natura, oggi abbiamo preparato un goloso piatto, adatto per tutte le stagioni: il gulasch di manzo.
    Cuochina, Anna e Ornella ti ringraziano per la tua super golosissima versione!!

    Il prossimo appuntamento con l’allegra cucina aperta di Quanti modi di fare e rifare sarà il 9 aprile con una ricetta regionale siciliana, precisamente agrigentina, che si prepara il venerdì santo per gustarla il lunedì di Pasquetta: il il Tagano
    Ti aspettiamo!

    Un abbraccio
    Cuochina

    RispondiElimina
  2. Anche noi con spaetzle sebbene senza l'apposito attrezzo, e con la tua descrizione ed il tuo mix di spezie abbiamo viaggiato anche noi “annusando” deliziosi profumi, buona domenica e alla prossima!

    RispondiElimina
  3. Un piatto che conquista proprio con il profumo, hai ragione quando dici che ci sono posti che sanno di buono ^_^
    Questo è un piatto farebbe venire gli occhi a cuoricini a mio figlio :))
    Un bacio

    RispondiElimina
  4. Che delizia Elena il tuo gulasch con gli spatzle e quanti bei ricordi. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. E anche questa versione è da provare, con gli spatzle un piatto meraviglioso :-)

    RispondiElimina
  6. Amo anche io l'Alto Adige e il Tirolo Austriaco dove vado appena posso e quella che ci proponi oggi è proprio una mia ricetta del cuore che come dico profuma di "boschi e montagne" Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. ciao Elena,
    oltre ad avere il profumo di buono il tuo post è molto bello
    e accompagna molto bene il tuo gulasch con gli spatzle.
    BRAVISSIMA
    Un bacio dalle 4 apine

    RispondiElimina
  8. L'aggiunta dello speck deve averlo reso ancora più gustoso....
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!