venerdì 3 marzo 2017

Pizzoccheri dalla Valtellina



Il cielo è grigio, qualche goccia di pioggia bagna il vetro della finestra, il cane ronfa sul suo tappetino di pile, senza dare segni di vita, sembra davvero autunno!

Invece da pochi giorni è iniziato marzo,e non sembra vero che nella giornata di ieri splendeva un sole meraviglioso e quasi caldo.
Per ristorare gli animi e rendere un po' meno triste questa giornata, ho pensato di preparare i pizzoccheri, un piatto tipico della Valtellina, decisamente "robusto", ma se lo serviamo come piatto unico facciamo la gioia dei nostri commensali e non prepariamo il secondo! 😜
Voglio ricordare che i pizzoccheri sono una pasta con formato simile a tagliatelle corte, prodotta solo con grano saraceno. E' quindi naturalmente senza glutine e adatta per chi soffre di celiachia.
Quindi bando alle ciance e via di ricetta!!!



Ingredienti per 4 persone

400g di pizzoccheri
2 patate
1/4 di verza
2 spicchi di aglio
50g di burro
150g di Casera
50g Parmigiano Reggiano grattugiato
salvia
sale e pepe






Tagliare le patate a cubotti (3 x 3 cm)  dopo averle pelate; prendere la verza,mondarla, lavarla  e affettarla a larghe strisce.
Mettere a bollire abbondante acqua salata, quando raggiunge il bollore inserire le patate, dopo 5 minuti la verza e dopo altri 5 minuti i pizzoccheri,  a questo punto controllare sulla confezione i tempi di cottura e attenersi a quello (i miei erano 10 minuti).
A parte in una larga padella rosolare il burro con la salvia e l'aglio vestito (che poi verrà tolto), scolare la pasta con la verdura, saltarla velocemente in padella.
Imburrare una teglia, mettere metà della pasta saltata, condire con fette sottili o cubetti di Casera e parmigiano grattugiato,  finire con il resto della pasta e terminare con altro Casera,  Parmigiano e una spolverata di pepe.
Passare in forno caldo 180°C con grill per 7-10 minuti, in modo da ottenere una crosticina dorata.
Lasciare riposare 5 minuti prima di servire.

8 commenti:

  1. Io adoro i pizzocheri li ho anche fatti freschi ma non riesco a trovare il bitto e con il fontina non è la stessa cosa. Buoniiiiiii questi preso nota ciaooo e buona fine settimana.

    RispondiElimina
  2. Li adoro!!! E anche mio figlio, per cui ogni tanto ce ne facciamo un bel piattone, però per alleggerire non rosolo il burro (sigh!) ma lo fondo a bagno maria e non li metto nella teglia (risigh!) così metto un pò meno casera :)
    Stasera mi lustro gli occhi con i tuoi!
    Un bacio

    RispondiElimina
  3. Un bel piatto unico che rallegra gli animi :-) Vorrei proprio assaggiarlo :-)
    Buon we Elena <3

    RispondiElimina
  4. Io li faccio almeno una volta alla settimana, da noi sono un piatto di famiglia :-) Sempre buoni e accontentano tutti! Baci

    RispondiElimina
  5. Che buoniii....con quel filo di formaggio fondente...
    Buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  6. Ne sono ghiottissima Elena, squisiti!!!

    RispondiElimina
  7. eh ma che bontà! non li conoscevo :)) adoro questi piatti di montagna!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!