sabato 1 aprile 2017

Branzino al forno con finocchi alla senape e salsa alla vaniglia


Oggi riparte il Calendario del Cibo Italiano, un bellissimo progetto, iniziato lo scorso anno nell'ambito dell'Associazione Aifb, e che continuerà quest'anno con un'organizzazione un po' diversa.
Ci sarà una community, organizzata Alessandra, l'ideatrice del progetto iniziale, Quest'anno tutto sarà più "easy", si potranno interpretare le ricette, ci sarà più spazio ai piatti rispetto alla storia  o ad altre divagazioni, siamo o non siamo foodblogger?   😉
A parte gli scherzi, vedrete che sarà un progetto davvero divertente e interessante, ma partiamo subito con la giornata di oggi: la giornata del pesce al forno.
Con soddisfazione, partecipo al primo giorno di questa nuova avventura, con un piatto davvero delizioso, la ricetta tratta da Delicious di marzo 2017, ma liberamente interpretata ;)
I filetti di branzino sono cotti al forno, ma riparati da un cartoccio di carta forno, essendo una carne molto delicata, e conditi leggermente con olio e limone e aromatizzati al pepe rosa, che dà profumo e colore.
Li ho presentati con finocchi alla senape e una salsa alla vaniglia e spumante (la ricetta avrebbe riportato champagne), ho utilizzato uno spumante Franciacorta rosè (il colore non incide, anche se l'ho utilizzato perchè speravo desse un apporto), che è veramente fa-vo-lo-sa!
Ecco la ricetta...





Ingredienti per 4 persone
per il pesce
4 filetti di branzino con la pelle
4 cucchiaini di olio
4 cucchiaini di succo di limone
sale e pepe rosa

per i finocchi

40 ml di olio extravergine
1 piccola cipolla affettata finemente
 2 finocchi, tagliati a cubotti
1 spicchio d'aglio
1 cucchiaino di semi di senape tostati in padella
1 cucchiaio di senape di Digione,
un po' di aneto, fresco o secco (io finocchietto)

per la salsa alla vaniglia

2 scalogni, finemente tritati,
olio extravergine
150 ml di spumante Fanciacorta rosè
i semi di un baccello di vaniglia
100ml di panna fresca liquida
75 g di burro freddo di frigorifero, in cubetti
succo di limone

Lavare i filetti di pesce, asciugare, togliere le eventuali lische con una pinzetta e posizionare ognuno in un quadrato di carta forno, condire con un cucchiaino di olio evo e un cucchiaino di succo di limone, sale e pepe.
Mettere in forno a 180°C per 15 minuti (dipende dalla grandezza dei filetti).
Preparazione finocchi
Tagliate a tocchetti i finocchi e stufarli in pentola coperta  la cipolla e l'aglio tritati, aggiungendo olio per 15- 20 minuti. Aggiustare di sale.
In una larga padella tostare i semi di senape fino a quando iniziano a scoppiettare.
Cotti i finocchi, vengono conditi con la senape di Digione e cosparsi dei semi tostati e dell'aneto.
Preparazione salsa
Stufare gli scalogni con olio e un goccio di acqua a fiamma bassa fino a renderli come una crema.
Sfumare con lo spumante a fuoco vivace, unire poi i semi di vaniglia.
Portare a bollore, e ridurre il liquido a 3/4, aggiungere la panna e far ridurre della meta'.
A questo punto filtrare la salsa in modo da togliere eventuali pezzetti di scalognoo, abbassare la temperatura, iniziare ad inserire il burro un cubetto alla volta ben freddo, montando a mano la preparazione con una frusta.
Aggiustare di sale.

Questa ricetta partecipa al Calendario del Cibo Italiano

5 commenti:

  1. Ma che bel piatto Elena, quella salsina poi deve essere deliziosa. Brava!

    RispondiElimina
  2. Bentornato Calendario :)
    Che debutto.... Un pesciolotto e una salsina strepitosi.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  3. questa e' alta cucina, Elena. E posso solo immaginare quella salsa...purtroppo :(
    Ma segno tutto perche' voglio prepararlo anche io, appena posso. Bravissima

    RispondiElimina
  4. Molto d' effetto la tua ricetta, Elena. La voglio provare.

    RispondiElimina
  5. Hai davvero nobilitato i finocchi, che io al di là di un gratin o di un'insalata con le arance non riuscivo ad immaginare, mi segno la ricetta, grazie!!!

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!